TOP

“Perchè è importante consumare prodotti locali e di stagione?”

Questo per me è un argomento molto caro, lo dice anche il titolo del mio blog “Cucinare le stagioni – ricette di stagione a Km 0”. Mi sono accorta di non avervi ancora parlato del significato di questo titolo e approfitto dell’iniziativa #OttobreSalute, organizzata da Maria Chiara  del blog Wannabe Wondergirl per parlarvene. Intanto vi anticipo che alla fine dell’articolo troverete i link agli articoli di altre blogger del gruppo Progetto Blog che vi parleranno di stile di vita sano.

Negli ultimi anni si sente spesso parlare di alimentazione sostenibile, ma cosa significa esattamente? La il WWF nell’ambito del suo progetto “One Planet Food” la definisce così:

“Un’alimentazione sostenibile prevede il consumo di cibo nutrizionalmente sano, con una bassa impronta in termini di uso di suolo e di risorse idriche impiegate, con basse emissioni di carbonio e azoto, attento alla conservazione della biodiversità e degli ecosistemi, ricco di cibi locali e tradizionali, equo e accessibile per tutti

L’alimentazione sostenibile non è quindi solo un’alimentazione che ci mantiene sani solo perché consumiamo prodotti sani, ma anche perché per produrre questi alimenti non si sono danneggiati gli ecosistemi, la biodivesità e l’ambiente inteso nel senso più ampio, durante tutti i passaggi della filiera agroalimentare dalla produzione alla commercializzazione degli alimenti (sostenibilità ambientale). Inoltre prevede anche che il cibo sia remunerato in maniera equa durante e sia accessibile a tutti (sosteniblità economica e sociale).

Nel decalogo dell’alimentazione sostenibile stilato dal WWF le voci “acquista prodotti locali” e “mangia prodotti di stagione” compaiono rispettivamente al primo e al secondo posto ma perché sono così importanti?

Consumare prodotti locali significa necessariamente anche consumare prodotti di stagione, in quanto nel corso dell’anno la natura ci offre diversi frutti e ortaggi.

I prodotti di stagione crescono in un ambiente naturale e non artificiale, ricevono dalla natura tutti e l’energia e il nutrimento necessari alla loro crescita; hanno per questo motivo qualità nutrizionali e organolettiche migliori rispetto a ciò che è coltivato in ambienti artificiali. La cosa eccezionale e che i nutrimenti di cui sono ricchi i prodotti di stagione sono esattamente quelli di cui il nostro organismo ha bisogno in quel determinato periodo dell’anno: in inverno maturano abbiamo agrumi, mele, pere, kiwi, ricchi di vitamina C che rinforza le nostre difese immunitarie e ci proteggono da raffreddori e influenze tipici del clima invernale. Inoltre nel periodo invernale riduciamo la nostra esposizione al sole, fattore che favorisce la calcificazione delle ossa, la natura ci offre cavoli, cavolfiori, broccoli, bietole, spinaci, ecc… verdure ricche di vitamina K e calcio che rendono ossa e denti forti. In estate, con il caldo, il nostro corpo richiede una maggiore quantità di acqua che eliminiamo attraverso la sudorazione; i frutti come angurie, meloni, pesche, ciliege, fragole e le verdure come zucchine, pomodori, melanzane, peperoni ne sono ricchi, inoltre contengono anche i carotenoidi che hanno la funzione di proteggere la nostra pelle e gli occhi dai danni causati dal sole.

Inoltre consumare frutta e verdura tipici della stagione in corso contribuisce a ridurre l’inquinamento: non sono necessarie serre che ricreino l’ambiente ideale alla coltivazione e si evita la conservazione in celle frigorifere.

I prodotti locali arrivano sulla nostra tavola poco tempo dopo la raccolta o la preparazione, non subiscono numerosi passaggi tra i diversi operatori, evitando così tanti “sballottamenti”, sono quindi intatti nella loro forma fisica e nella loro composizione nutrizionale, come appena raccolti.

Nelle prossime puntate vi parlerò anche della sostenibilità economica e sociale, continuate a seguirmi!

Ed ecco gli articoli delle altre blogger che hanno partecipato all’iniziativa:

Wannabe Wondergirl di Maria Chiara Spinelli

In cucina con Sissi di Sissi Amato

Cookingbeauty di Romina Serafini

Curiosa di Natura di Sabrina Lorenzoni

«
»

4 COMMENTS

  • sissi on ottobre 15, 2017

    Consumiamo prodotti di stagione che facciamo bene a noi stessi e all’ambiente in cui viviamo!

  • Romina on novembre 13, 2017

    La natura ci da quelle che serve al momento giusto.
    Adesso grandi scorpacciate di vitamina C con gli agrumi, per esempio 🙂

    • Elisa on novembre 13, 2017

      Esatto Romina! 🙂 La vitamina C che serve tanto d’inverno non si trova soltanto negli agrumi, ma anche in altre verdure invernali come i cavoli e i broccoli e in frutti come i kiwi e le melagrane 😉

      • Romina on novembre 13, 2017

        tutti cibi che adoro!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: